AIUTI ALLE IMPRESE, VIA LIBERA PRELIMINARE DALLA GIUNTA REGIONALE AD UN INNOVATIVO INVESTIMENTO NEL SALENTO. ✅10 MILIONI DALLA REGIONE PUGLIA CON LA PRESCRIZIONE PER I SOGGETTI PROPONENTI DI INCREMENTARE L’ OCCUPAZIONE.

Con delibera di Giunta regionale approvata ieri, giovedì 19 marzo, su mia proposta, è stato espresso il via libera preliminare al progetto “SmarT Sense 4.0”, promosso dal raggruppamento di imprese composto dall’impresa proponente “Engineering Ingegneria Informatica SpA” (con sede legale a Roma, tra le principali realtà a livello globale specializzata in servizi, sviluppo software e piattaforme digitali per le aziende, sia in ambito informatico sia per la telematica, l’automazione e la robotica), e dalle imprese aderenti “Dinets Srl” (con sede legale ad Ancona), “Innoway SpA” (con sede legale a Napoli), “N&C Srl” (con sede legale a Veglie, in provincia di Lecce) e “Site SpA” (con sede legale a Bologna).
Obiettivo generale dell’iniziativa è quello di progettare e sviluppare una piattaforma software che consentirà alle diverse aziende del comparto ICT di offrire servizi per la prevenzione, il monitoraggio, la rilevazione e il contrasto alle minacce informatiche, rafforzando, quindi, la cyber sicurezza per le comunità on line.
Il valore complessivo dell’investimento, che si realizzerà a Veglie, è di oltre 17 milioni di euro, con una agevolazione concedibile, da parte della Regione Puglia, nell’ambito del Bando regionale “Aiuti ai programmi di investimento delle Grandi Imprese”, di 10 milioni e 265 mila euro a valere sulle risorse del PO FESR 2014/2020, per interventi che, in particolare, riguarderanno l’ambito della “Ricerca e Sviluppo”.
Come già avvenuto in passato, però, il parere favorevole espresso dalla Giunta regionale, è condizionato, ad una precisa prescrizione dal momento che le imprese proponenti, in sede di progettazione definitiva, dovranno prevedere un incremento occupazionale, a regime, in misura maggiore rispetto a quello attualmente previsto, che appare incongruo se commisurato alla mole di risorse finanziarie pubbliche richieste.
Questa prescrizione è dovuta al fermo convincimento del Governo regionale, e mio personale, che gli importanti strumenti di agevolazione e di incentivazione messi in campo dalla Regione Puglia in questi anni hanno certamente come obiettivo quello di sostenere il sistema produttivo (a maggior ragione in un periodo così complesso e delicato a causa del diffondersi dell’epidemia da COVID-19) in modo da sostenere uno sviluppo economico stabile e compatibile sotto il profilo ambientale, ma tenendo anche nella giusta e opportuna considerazione le necessarie, concrete ed effettive garanzie in termini di ricaduta occupazionale che deve necessariamente essere congrua rispetto allo sforzo finanziario richiesto alle finanze pubbliche, a maggior ragione in questo periodo di grande incertezza sul futuro.